Wechselmodell.ch
DE
FR
IT
En
Print Website
Wechselmodell Schweiz Wechselmodell Schweiz

Gestione dei conflitti

Contenuti

Conflitto e modello alternato?

Che dire quando i genitori sono in guerra? La custodia alternata è anche in quel caso favorevole al benessere del bambino? Che cosa dice la letteratura su questo argomento:

Soluzioni in casi di estremo conflitto

Ci sono diversi approcci su come si possano affrontare i problemi in casi ad alta conflittualità. Le seguenti sei raccomandazioni dovrebbero assistere i genitori interessati, affinché siano in grado di assumere insieme la responsabilità genitoriale:
  1. Equa distribuzione del tempo: questa condizione di base permette ai genitori di incontrarsi su un piano di parità e con pari responsabilità. Il bambino vede entrambi i genitori come altrettanto importanti.
  2. Un chiaro e strutturato piano di cura: in questo modo vengono eliminate le premesse per discussioni controverse.
  3. Consegna  del bambino: in determinate circostanze, in un luogo neutrale. Lo scambio di informazioni durante la consegna è da ridurre al minimo (il meno possibile, per quanto necessario). Maggiori informazioni possono essere scambiate in seguito tramite e-mail o telefono.
  4. Così come il numero di incontri dei genitori può essere ridotto, frequenti cambi durante la settimana devono essere evitati..
  5. Fino a quando i compiti della custodia comune dei genitori non sono ancora stati compresi pienamente, i punti in sospeso possono essere risolti con un accordo provvisorio.
Conclusione:
Per un bambino il legame  con entrambi i genitori è più importante dell'assenza di conflitto. Più alta è la percentuale di tempo che un bambino passa con entrambi i genitori, tanto maggiore è il suo legame con loro. Una divisione paritaria di tempo di cura compensa quindi il carico del bambino per il conflitto dei genitori.

La ricerca presuppone che nelle famiglie ad alta conflittualità un alto tasso di cambi a causa del numero
di incontri di entrambi i genitori danneggi il bambino. Invece, il numero di scambi deve essere ridotto per il bene del periodo di cura. Queste condizioni permettono al bambino di costruire un'interazione  emotiva più forte con i genitori,  tramite un legame emozionale più solido con entrambi.
La legge deve proteggere i bambini evitando che un genitore sia dotato di un vantaggio tattico del processo che alimenti il conflitto. Non si può "premiare" un comportamento di conflitto unilaterale.
In pratica, è largamente diffuso il falso pregiudizio che i bambini nel modello alternato sarebbero disturbati dalla presenza di conflitti tra genitori.
Ma questa opinione non corrisponde a verità:  la perdita di un genitore disturberebbe un bambino molto di più e molto più a lungo (in molti casi per tutta la vita) a causa del suo naturale bisogno di legame con entrambi i genitori.
Inoltre, la cura dei bambini nel modello alternato nella maggior parte dei casi ha dimostrato di funzionare con calma, e il conflitto parentale dei genitori che al momento sembra essere così importante per il bambino diventa rapidamente un episodio passeggero.

In caso di difficoltà di comunicazione

Per il successo di un modello di scambio, non ci sono requisiti particolari in materia di comunicazione e cooperazione. I requisiti non sono maggiori di quelli di un modello tradizionale di cura che comprende i diritti di visita, e non sono neanche maggiori che in una situazione in cui i genitori non sono separati. Al fine di migliorare la cooperazione, i genitori possono richiedere il supporto di  diversi enti pubblici (es. consulenza familiare).
Tuttavia, per legge si verifica spesso che in caso di custodia alternata o cura estesa, le esigenze di comunicazione e cooperazione vengano falsamente aumentate. Queste ipotesi inesatte devono essere superate nell'interesse del minore. Si aggiunge che la legge lascia i genitori non separati viventi con problemi di comunicazione o collaborazione liberi di scegliere e non interferisce in questo caso.

Soluzioni in casi di scarsa comunicazione Nota generale sulla comunicazione
In situazioni di lite, sono di solito condivisi dei "messaggi-tu" . Questi sono da evitare. I propri punti di vista dovrebbero essere rappresentati con "messaggi-io": "Io la vedo così...". Questo favorisce un'atmosfera di conversazione positiva.

Distanza tra luoghi di residenza

Studi sulle opportune distanze tra le due residenze in cui il bambino si trova ad essere curato nel modello alternato, hanno dimostrato che questo aspetto è un fattore essenziale. Luoghi di residenza dei genitori il più vicino possibile l'uno all'altro sono preferibili per una custodia alternata. L'età dei bambini gioca naturalmente anch'essa un ruolo.
Ma cosa è vicino e cosa è lontano?
Un sondaggio australiano presuppone che una distanza tra 0 e 19 chilometri sia opportuna. Altri studi mostrano che la custodia alternata sia possibile su una distanza di 40 km. Non è da escludere però che si possa stabilire una custodia alternata anche a distanze di oltre 100 km, quando per esempio la posizione della scuola del figlio adolescente è in mezzo alle due residenze ed entrambe le residenze dalla scuola sono facilmente raggiungibili dal figlio adolescente con i mezzi pubblici, etc. Un'altra frequenza di cambiamento è naturalmente poco pratico, ma l'esempio dimostra che è possibile, come riconosciuto a prima vista.

Risultato

In generale: il cambiamento di residenza dei genitori deve essere conforme al modello di cura. La distanza tra i genitori dovrebbe essere minima, in modo che l'accessibilità delle due residenze sia assicurata nel modo più semplice possibile.
  • Le distanze inferiori a 20 km non dovrebbero presentare alcuna difficoltà.
  • Le distanze fino a 50 km (circa 40 minuti) dovrebbero essere ben attuabili nella pratica.
  • Le distanze residenziali di 100 km (circa 80 minuti) possono essere gestite con misure di fondo adeguate.
Sig.ra Prof.ssa Sünderhauf - FamRB Beratungspraxis 9/2013